LE PRISON | 11.12.13 novembre

Il progetto è tratto da Les Bonnes di Genet.
Racconta della vicenda di due serve che amano e odiano al contempo la loro padrona. La amano perché vorrebbero diventare la Signora, sognando di integrarsi nell’ordine sociale di cui sono invece gli scarti. La odiano perché essa rappresenta quella stessa società che le rifiuta.
Drammaturgicamente ho cercato di rimanere fedele alla lingua e al senso profondo del testo, semmai sottolineandolo. Così, a differenza dell’originale di Genet ho inserito anche la presenza della Signora, come personaggio in quanto reale, ma sostituendolo con un ulteriore gioco di ruolo, dove il confine tra realtà e finzione è più sottile, e lo stesso gioco risulta più complesso di quello che viene rappresentato all’inizio della storia dove allo spettatore viene esplicitamente dichiarato il travestimento. Anche la scelta degli attori altro non è che l’evidenza del falso e solo così diventa pienamente simbolo di una condizione sociale ed esistenziale.
 

Stagione

Crediti

con Walter Bagnato, Patrizio Belloni e Alessandro Macchi

regia di Francesco Laschiera