Matteo Ippolito

Biografia

Matteo Ippolito nasce a Sesto S. Giovanni (MI) nel 1990, dopo gli studi e il diploma in Arti Grafiche e Visive nel 2009, si iscrive alla Scuola delle Arti di Monza, sotto la Direzione di Corrado Accordino, direttore del Teatro Binario7 di Monza. Durante questo primo approccio al teatro partecipa a seminari con Enrico Roveris, Corrado Accordino, Alessia Vicardi e Luciano Colavero.

Nel 2011 viene ammesso all’Accademia dei Fildrammatici di Milano diplomandosi nel 2013. Durante il percorso accademico studia con Karina Arutyunyan, Nicolaj Karpov, Peter Clough, Cesar Brie, Silvio Castiglioni, Massimiliano Cividati, Bruno Fornasari, Massimo Loreto, Franco Sangermano. Durante l’Accademia lavora con GiovanBattista Storti in “Terrore e Miseria del Terzo Reich” di Bertolt Brecht e nel 2013 è diretto da Marco Baliani in “Che ci faccio qui?”, spettacolo che apre la stagione 2013 del Teatro Filodrammatici di Milano.

Dal 2014 collabora con Luca Spadaro, fondatore insieme a Massimiliano Zampetti della compagnia Teatro d’Emergenza di Lugano partecipando ad un laboratorio su “La casa di Bernarda Alba” di Federico Garcia Lorca e andando in scena nel 2017 in “Cattiverie” confrontandosi per la prima volta con la Stand-Up Comedy, e nel 2018 in “Animali Notturni” di Juan Mayorga.

Nel 2018 partecipa al Belfort Theatre Campus diretto da Luca Micheletti portando in scena “La Tempesta nello Specchio” tratto da “La Tempesta” di William Shakespeare prodotto dalla Compagnia dei Guitti. Con lo stesso Micheletti lavora anche ne “La Locandiera” di Carlo Goldoni sempre produzione Compagnia dei Guitti.

Nel 2018 vince il Premio Hystrio alla Vocazione.

Corsi del docente

Contatti: