Intervista a Marco Motta e Stefano Greco di Alterazioni di guerra

Paolo Trotti intervista Marco Motta e Stefano Greco per lo spettacolo Alterazioni di guerra, a Teatro Linguaggicreativi il 4 e 5 maggio 2018 ore 20.30.  

Guarda il video o leggi l’intervista!

 

Intervista a Marco Motta e Stefano Greco di Alterazioni di guerra

 

  • Chi siete?

Marco: Io sono Marco Motta, sono un sassofonista e clarinettista, da qualche anno faccio anche il Visual Artist. Sembra una cosa complicata, invece è molto semplice, cerco di unire le immagini ai suoni.

Stefano: io sono Stefano Greco, sono un musicista anche io, ho uno studio qua a Milano e mi occupo di post produzione audio per le colonne sonore.

  • Come avete conosciuto Alberto Turra, terzo dei quattro componenti del gruppo?

Marco: Io con Alberto Turra ho condiviso un periodo di militanza nella Mouth Band, una band afro-bit, e poi abbiamo anche avuto l’opportunità di suonare insieme in un progetto di Roy Paci, Corleone, che univa un po’ il free jazz all’elettronica e alle nuove sonorità. Proprio durante un tour di Corleone è nata l’idea per Alterazioni di guerra. Eravamo sul furgone, in una di quelle trasferte lunghissime dove fai 5 date di seguito. Così chiacchierando gli dicevo che mi piacevano le arti figurative, i quadri e per il centenario della grade guerra volevo fare qualcosa di nuovo. Volevo prendere la rivoluzione delle arti figurative a inizio novecento, prendere le novità di quegli anni e rimaneggiarle in chiave moderna scrivendo delle musiche.

  • Quindi prima guerra mondiale, grappa… ha dovuto dire di sì.

Marco: Esatto! Tra l’altro lui aveva già fatto un lavoro sulla Piave aveva già esplorato quelle zone, era la persona giusta con cui farlo.

  • Voi siete in 4, alla voce c’è Sara Stride, e cosa farete, cosa vediamo?

Marco: Vedrete qualcosa di abbastanza insolito. Proiettato dietro di noi, sulla parete, vedrete dei quadri di quel periodo che prenderanno vita. Cosa vuol dire? Noi suoneremo e i quadri reagiranno ai suoni, in termini di colore e di forma, creando delle suggestioni nuove. All’estero queste cose si vedono già, ma in Italia ancora poco, un motivo in più per farlo e venire a vederlo.

  • Ecco, date al pubblico tre buoni motivi per venire a vedere questo spettacolo.

Stefano: il primo motivo è che il centenario della prima guerra mondiale sta per finire. Questo spettacolo finirà nel 2018 come nel 1918 è finita la prima guerra mondiale. Il secondo potrebbe essere che è la prima volta che lo facciamo a Milano, tanti curiosi che ci hanno visto girare per l’Italia adesso possono venire a vederlo a Milano. Il terzo buon motivo è che si tratta di uno spettacolo molto particolare dal punto di vista audio-video. Sia l’audio che il video sono originali, composti da Marco e Alberto. E poi ci divertiamo tantissimo a farlo, arriviamo anche alla musica elettronica moderna.

  • Oltre a prendere i quadri di quel periodo, prendete anche le sonorità di quel periodo?

Marco: Diciamo che dal punto di vista sonoro abbiamo un po’ reinterpretato quello che abbiamo colto visivamente. Ad esempio c’è un quadro di Balla che si chiama “Automobile in corsa”, raffigura qualcuno che viaggia in macchina attraverso un tunnel, è una raffigurazione futurista della velocità. Quindi noi dal quadro di Balla abbiamo creato un tunnel interattivo all’interno del quale viaggiamo con la nostra musica.

  • Ultima domanda, in linea con il titolo della nostra stagione, raccontateci qual è la vostra dannata voglia.

Marco: la dannata voglia è sempre quella di suonare, sperimentare e avere una relazione col pubblico, se uno fa anche le cose più belle ma nel box di casa sua, non ha senso. Bisogna sempre portare gli spettacoli live, vedere come le persone interagiscono e instaurare un rapporto.

Stefano: certo questo c’è sempre, forse posso aggiungere solo la dannata voglia di portare avanti progetti non convenzionali da proporre al pubblico.

Grazie, vi aspettiamo a Teatro Linguaggicreativi il 4 e 5 maggio alle 20.30.

Biglietti

Intero: 14 euro
Allievi Scuola di Teatro Linguaggicreativi: 10 euro (esibendo la Tessera Linguaggicreativi)
Studenti under 26: 8 euro (esibendo tesserino scuola-università)
Over 65: 10 euro (esibendo carta d’identità)
Convenzionati: 10 euro

CLICCA QUI per scoprire le realtà convenzionate.

 

Tessera

Per entrare agli spettacoli e concerti di Teatro Linguaggicreativi è obbligatorio essere in possesso della tessera associativa GRATUITA.

Richiedila subito sul nostro sito cliccando qui o inviandoci una email a promozione@linguaggicreativi.it.

Info e Prenotazioni

Prenotazione fortemente consigliata:

biglietteria@linguaggicreativi.it

0239543699 | 3274325900


Articoli Correlati